Album Reviews: Something Weird

  • Dark rock is the description which can be found on their Facebook page. The says to be inspired by Alice Cooper, something that can partly be discovered, but my first impression was more in the direction of a sloppy, bad performed mix of Millencolin and HIM.

    These tunes contain both a punky unruliness and loads of theatrical exaggeration which can be experienced without the visual effect. Even though I'm a big fan of uncle Alice, the material of The Mugshots cannot be appreciated that much by me. The voice can be experienced as straight annoying (matter of taste of course), the keyboard sounds very cheap (on purpose probably), and the combination of these cheap eighties synthesiser tunes and garage punk guitars can cause a very strong feeling of disliking in my case.

    Take for example track six, starting with an even very acceptable gritty guitar, which flows over in a gothic like thing just before the line gets boring, but those added Jean Michel Jarre elements take care of a serious headache.

  • Gli italiani The Mugshots nascono ufficialmente nel 2001 dalla mente del cantante Mickey E.Vil. In tutto questo tempo non sono mancate diverse soddisfazioni non da poco, come il vanto di essere stati prodotti dal guru Dick Wagner (Alice Cooper, Lou Reed). “Something Weird”, il nuovo disco della formazione tricolore, porta avanti un hard rock tinto di venature dark, metal, punk, new wave ed amplificato da una fortissima componente teatrale. Una canzone come “The Circus” infatti richiama subito il seminale Alice Cooper, qui tributato con grande enfasi a cui si aggiunge un sound moderno con spruzzate di elettronica molto accattivanti. I synth dominano la successiva “Rain”, una bella commistione tra pop anni Ottanta e rock duro, molto godibile all’ascolto. Con “I Am an Eye” troviamo un po’ di Death SS, il sinistro organo si staglia poderoso sul brano, che colpisce per quel gusto progressive rock anni Settanta che qui viene reso più attuale grazie alla buona produzione di Freddy Delirio. Su questo disco appaiono un sacco di ospiti, famosi ed anche inusuali, ma questo calderone così variegato funziona molto bene nell’insieme:  da Tony Dolan (Venom Inc.) a Steve Sylvester, da Matt Malley a Enrico Ruggeri. “Sentymento”, che vede proprio la partecipazione di quest’ultimo, è un ottimo esempio di dark rock, “Scream Again” invece unisce metal a momenti più psichedelici, si tratta di uno dei pezzi più pesanti e classici dell’intero lavoro (grazie anche alla presenza di Freddy Delirio, Steve Sylvester e Ain Soph Aour dei Necromass). Oggi stupire, scioccare, lasciare a bocca aperta è davvero difficile perché si è visto e sentito di tutto e questo vale anche per la proposta dei The Mugshots che, per quanto pregna di enfasi e teatralità, non arriva a far ribollire il sangue nelle vene. Ciò non vuol dire che ci troviamo di fronte ad un lavoro privo di emozioni, anzi. La qualità, le idee, il gusto per i suoni, gli arrangiamenti, tutto è stato curato con grande dovizia ed il risultato si sente. “Something Weird” si conferma una proposta molto variegata ed interessante, per apprezzare al meglio i nuovi brani di The Mugshots non bisogna avere la mente chiusa: un ascolto aperto e senza paraocchi è ciò che serve per gustarsi appieno questa musica.
  • La disperazione di vivere in un mondo musicale fatto di migliaia di band inutili affligge tanti ascoltatori e ancora di più gli addetti ai lavori. Album a centinaia tutti i mesi, tra i quali però diventa sempre più difficile muoversi e sempre più difficile cogliere il valore aggiunto di quel bene prezioso che è la personalità, unico vero elemento capace di fare la differenza nell’eterna diatriba tra innovazione e conservazione. Perché l’originalità a qualunque costo è noiosa almeno quanto la totale assenza di innovazione, se non c’è l’elemento della personalità unito a quello dell’ispirazione, a fare la differenza. E’ per questo che a volte arriva l’urlo del recensore di fronte all’ennesimo album uguale a se stesso, magari anche ottimamente confezionato, ma privo di una qualunque utilità. Un urlo che non sempre viene percepito come necessario anche dagli appassionati, ai quali tutto sommato un disco ben fatto interessa di più che uno che aggiunga una nuova pagina al libro della musica e non si limiti a sillabare continuamente quanto già scritto da altri. Eppure, un bisogno di spostarsi avanti esiste e se proprio non si riesce ad andare avanti, piuttosto che rimanere fermi, è quasi meglio tornare indietro in questa lettura. E’ per questo che, a volte, dischi che poi col tempo rivelano la propria debolezza, vengono sul momento premiati oltre le proprie intrinseche qualità, magari perché hanno effettivamente qualcosa da aggiungere o piuttosto perché pur riportando la lettura indietro di qualche pagina, aggiungono una interpretazione diversa a quanto già codificato in passato. Insomma, la chiave offerta dalla personalità, in musica, apre o aprirebbe davvero tante porte e renderebbe più interessante anche un qualcosa di già noto, se ben utilizzata.
    Ecco quindi come calare nel contesto di questo discorso la nuova uscita per The Mugshots, band italiana ormai da diverso tempo in pista e autrice del proprio quarto album, uscito a fine 2016 per la sempre attenta Black Widow Records. La band si è scavata una propria nicchia nel tempo riuscendo a legare il proprio nome a quello di una leggenda come Dick Wagner, attirando l’attenzione grazie ad una proposta piuttosto particolare e molto caratterizzata. Al centro di tutto, l’amore per tematiche horror e gotiche, gli anni settanta, i fumetti e un immaginario musicale che parte dal post punk/dark/new wave, fino all’hard rock, allo shock rock e all’art rock. In questo ampio spettro, nel quale il Rocky Horror Picture Show convive con Bela Lugosi e i Freaks di Tod Browning, Alice Cooper, gli Stranglers e i Tubes, e nel quale quindi l’immaginario gotico e grandguignolesco sposa un anticonformismo del tutto slegato dal contesto musicale attuale, la band trova una sua dimensione in continua evoluzione.
     
    Something Weird è un disco palesemente ambizioso: anzitutto, nell’ampio pastiche musicale messo in opera, che tocca contesti anche lontani tra loro, mantenendo sempre un approccio dark e grottesco, molto Creepy o Racconti dall’Oltretomba, se preferite. In secondo luogo, per il grande dispiego di collaborazioni, che vanno da Freddy Delirio e Steve Sylvester (Death SS), a Martin Grice, Mike Browning (Nocturnus), Tony Dolan (Venom Inc.), Manuel Merigo (In.Si.Dia), Ain Soph Aour (Necromass) e via discorrendo, senza dimenticare la preziosa partecipazione di Enrico Ruggeri. Infine, per il curatissimo packaging del disco, con la copertina opera del ben noto Enzo Rizzi, perfettamente calato nella realtà della band. Un grande dispiego di forze a cui fa da contraltare la musica della band, interamente composta dal band leader Mickey Evil. Attingendo a piene mani da questo vasto background e dotato di un tocco retrò sempre ben presente, l’album ben si presta ad essere apprezzato da una platea trasversale, ma corre il forte rischio di risultare fin troppo eterogeneo, offrendo una visione multisfaccettata, ma al contempo un po’ fuori fuoco. Al senso di disorientamento contribuisce l’interpretazione di Mickey Evil, il quale, forse alla ricerca di una propria cifra artistica, finisce per scegliere spesso un cantato caricaturale e grottesco, quasi da fumetto, ma con una evidente interpretazione maligna e perversa, come una sorte di folle clown che distorce la propria voce per impaurire i bambini, e che raramente riesce però a donare davvero qualcosa al brano, risultando spesso velleitaria e fine a se stessa. Come anche nell’uso continuo dei sintetizzatori, sembra che si sia voluto mettere fin troppo nella ricetta, senza per questo venire a capo con un piatto coerente e gustoso, quanto piuttosto con una gran quantità di sapori, magari anche buoni presi di per sé, ma non per questo soddisfacenti una volta messi insieme. 
    Quanto detto non vuol significare che Something Weird sia un brutto disco e certo non si potranno accusare i The Mugshots di difettare in creatività e voglia di stupire e coinvolgere l’ascoltatore. Il lavoro di stratificazione ricercato non va affatto a guastare l’approccio rock della band e anzi è evidente come il tentativo di incastrare le diverse sfumature riveli una cultura non solo musicale molto ampia e solida e una capacità di costruzione dei brani fervida di soluzioni e accostamenti felici negli intenti. Al tempo stesso, l’immaginario di riferimento è talmente noto e abusato che pur risultando simpatico e piacevole, difficilmente riesce davvero a stupire o a farsi apprezzare per l’originalità. Il circo maledetto che apre l’album dopo il breve intro è l’esempio forse più eclatante in tal senso e la sua promessa di morte e dannazione per il pubblico accorso risulta un poco stantia e di scarso effetto, pur nella sua convinta e riuscita trasposizione musicale. In particolare, sin dall’introduzione è il basso di Eye Van a scandire le danze, assieme ai sintetizzatori e in seguito alla chitarra elettrica, mentre in Circus l’influenza post punk è evidente ed Evil invita il pubblico a prendere posto con una melodia quasi cantilenata; è però solo nella seconda parte dopo il classico break con le risate psicotiche e la voce declamatoria del “direttore del circo”, che il brano prende davvero il via, con tutti gli elementi al loro posto, risultando nel complesso un buon avvio di album. Purtroppo molto più anonima la seguente Rain, anch’essa legata ad una forma riconducibile al post punk, ma tutto sommato innocua, pur non risultando sgradevole e con un Mickey Evil molto più interpretativo e coadiuvato dalla seconda voce di Francesca Scalari. Deciso cambio di passo con la seguente I Am an Eye, che distrattamente potrebbe anche passare per un brano dei Ghost, con l’organo a intessere il proprio marchio su un tipico giro doom tombale, con tanto di campana in sottofondo e una seconda parte più movimentata e rockeggiante. An Embalmer’s Lullaby Part Two prosegue la buona vena del disco, stavolta con un buon connubio delle varie componenti strumentali e i sintetizzatori che sottolineano e amplificano il mood della canzone, apportando anche una sezione di clavicembalo e archi a metà brano. Forse un po’ breve e non particolarmente significativa, ma comunque ben fatta. Peccato che la seguente Ophis si riveli uno strumentale, perché nel suo essere ben fatto e gradevole, lascia un po’ di amaro in bocca per quello che avrebbe potuto essere corredato da una parte cantata di spessore. I pezzi forti del disco arrivano però da ora in avanti, con Sentymento che ospita un bravo e perfettamente calato nel ruolo Enrico Ruggeri, che prende il proscenio con la sua voce baritonale ed immediatamente riconoscibile e la successiva Scream Again, all’apparenza una ballad inquietante e piena di ombre, nella quale Evil è accompagnato niente meno che da Steve Sylvester e Ain Soph Aour, entrambi capaci di evocare i propri spiriti in momenti diversi del brano, esaltandone la mutevolezza e le particolari atmosfere. Peccato che a questo punto la band piazzi un brano del tutto indecifrabile come Grey Obsession, che pur potendo vantare due ospiti illustri come Mike Browning e Martin Grice, si rivela come una specie di mantra di matrice orientaleggiante, sognante e fascinosa, ma assolutamente avulsa dal contesto del disco. La successiva Dusk Patrol è un brano breve e quasi strumentale, di effetto e atmosfera, nella quale Tony Dolan gioca il ruolo di voce recitante, con una interpretazione che potrebbe ricordare persino Mike Patton. Molto più interessante la successiva Pain, brano struggente nel quale anche la chitarra riesce finalmente ad emergere in chiave solista e l’interpretazione di Mickey Evil, pur senza rinunciare alla caratteristica voce paperinesca, si rivela misurata e di buona efficacia. Chiude Ubique ed è nuovamente un brano strumentale, che scorre via piacevolmente, senza lasciare granché, a parte l’inquietante finale.
     
    Tornando al discorso iniziale, sarà difficile che Something Weird e i The Mugshots possano essere accusati di mancare di personalità e voglia di emergere. Un aspetto questo che andrebbe premiato, a maggior ragione in un contesto musicale odierno composto da band fotocopia e senz’anima, che sono proprio l’antitesi di quanto proposto dal gruppo italiano. Lo sforzo compositivo e di evocazione di un immaginario gotico e orrorifico classico, caro tanto al mondo del cinema quanto a quello dei fumetti, è un aspetto che non si può sottostimare. Al tempo stesso, è difficile arrivare in fondo all’album e ritenersi davvero soddisfatti da quanto ascoltato. Il continuo saliscendi qualitativo e l’eterogeneità della proposta, specialmente nella seconda parte, assieme ad alcune scelte stilistiche forse non pienamente convinte e convincenti, rende arduo un giudizio pienamente positivo. Un vero peccato, perché in tutti i brani il talento della band è davvero evidente e in alcuni di essi si raggiunge già adesso un livello anche buono e capace di aprire ampi spazi sul futuro. Probabilmente qualcosa nella proposta può e deve ancora essere limato, oppure, definitivamente liberato da qualsiasi tentativo di ridurlo ad una forma e ad una struttura limitanti, come quelle attuali. In buona sostanza, si rischia di essere troppo complessi senza riuscire a gestire questa complessità, ma al contempo troppo orecchiabili e ad ampio raggio di potenziale utenza, per raggiungere reali picchi di innovazione artistica. Alla band non mancano davvero le capacità per un ulteriore salto e il raggiungimento di quella forma definita che farebbe davvero la differenza, andando finalmente a comporre il quadro tra personalità, ispirazione e qualità di scrittura. 
  • Il nuovo album dei The Mugshots è definito come “Elitarian Undead Rock”, e consiste fondamentalmente in quasi 49 minuti di una musica che definisco per sommi capi come un rock che sperimenta con sonorità a volte gotiche, a volte più creepy e più raramente ariose, che solo a tratti si affaccia al metal, e il tutto condito da una pletora di ospiti perlopiù illustri, che comprendono anche Steve Sylvester, Ain Soph Aour, Tony Dolan, Freddy Delirio, Mike Browning e perfino Enrico Ruggeri. Come si può legare questo genere musicale (gothic rock, chiamiamolo così per semplicità) con le capacità compositive dei The Mugshots e una tale pletora così variegata di guests? Se lo fai, o ci troviamo di fronte a qualcosa di rivoluzionario, oppure ci troviamo di fronte a qualcosa di over-produced e over-thought, dove qualcosa tra i contributi massivi dei guests o il songwriting sbilancia tutto e oscura l’altra componente. La risposta data da “Something Weird”, purtroppo, ci dice che tutto ciò non si può legare, o che se anche si può fare “Something Weird” non è un buon esempio di tutto ciò.
     
    La prima parte dell’album infatti (quella più scevra da guests) è quella che descrive di più le capacità proprie dei The Mugshots e che purtroppo mostra dei limiti: lo stupore iniziale di questo rock abbastanza creepy di “The circus” lascia ben presto spazio ad un ritornello incolore, riffs invero abbastanza anonimi e soprattutto ad una voce che cerca di essere grottesca ma che dopo un po’ risulta poco efficace, forse perché troppo impostata o dallo stile che non cambia granché. E se gli stessi problemi ce li abbiamo in “Rain”, è da qui in poi che escono fuori altri problemi: Punto primo: appena subentrano i guests, lo stile dei The Mugshots cambia e tutto suona molto più nello stile del guest che della band in sé. Ne siano un esempio le tastiere di Freddy Delirio, che nella quarta canzone fanno virare il brano su di una cosa tra Ghost e Death SS. Punto secondo: brani come la quinta canzone che suonano troppo diversi, scollati o messi al posto sbagliato dell’album. Punto terzo: troppe strumentali sinceramente inutili e che appesantiscono il lavoro, spesso neanche così speciali, come “Ophis”. E una volta preso atto di tutto questo, “Something Weird” si rivela per quello che è: un disco fatto da una band discreta, ma che suona appesantito da troppe strumentali e brani fuori contesto, e dove i guest finiscono per rendere poco comprensibile il valore proprio della band, i quali a volte sono francamente evitabili (Perché chiamare Tony Dolan per fargli fare fondamentalmente qualche spoken vocals su di un intermezzo?), o a volte semplicemente sovrastano la band, come Enrico Ruggeri che in “Sentymento” umilia letteralmente e surclassa Mickey Evil, finendo per farsi notare solo lui in una canzone che tra l’altro suona diversa dalle altre (troppo ariosa e distaccata da tutto il resto). Inutile la parte finale dell’album, costituita da una nona canzone che di nuovo, è avulsa da tutto il resto, da un intermezzo inutile e da una “Pain” anche bella e finalmente con una chitarra solista, ma che forse arriva tardi, quando a causa di così tante variazioni stilistiche un buon brano dei The Mugshots arriva quando l’attenzione è già scesa.
     
    In conclusione: “Something Weird” non è affatto weird secondo me: è il frutto di una band che avrebbe anche fatto un disco decente, ma che viene penalizzato da una tracklist un po’ discutibile, da una certa voglia di teatralità invero che suona un po’ cheesy e pretenziosa, e soprattutto la cui personalità viene deformata troppo da tanti contributi esterni che vanno in direzioni differenti, rendendo quasi impossibile capire dove finisca il guest e dove comincia lo sforzo proprio della band. “Something Weird” è la prova che tanti ottimi ingredienti non bastano a fare una ottima zuppa, e per questo io non ne sono rimasto impressionato.

Pagine