Album Reviews

  • C'è veramente qualcosa di strano ("Something Weird") nel progetto inedito targato The Mugshots. E' partendo dalla fumettistica copertina di Enzo Rizzi (quello degli albi Heavy Bone per intenderci) che inequivocabilmente si intuiscono le stravaganti velleità del quintetto bresciano; il cruento accostamento tra il ritratto in bianco e nero della band, il pietrificatore di Lodi Paolo Gorini e il killer clown John Wayne Gacy sintetizzano l'omaggio alla controversa spettacolarità dell'icona ispiratrice Alice Cooper, preannunciando le teatrali ed oscure vocazioni di Mickey E.Vil (voce e synth), Erik Stayn (tastiere), Eye Van (basso), Gyorg II (batteria) e Priest (chitarre). Scorrendo la scaletta ci accorgiamo che i confini sonori della band non si limitano alle solite trame heavy-gothic ma si addentrano decisamente in contesti più complessi rimandando a risonanze dai tratti psichedelici, progressivi e rabbiosamente punk.

    Sotto la produzione artistica di Freddy Delirio (Death SS, H.A.R.E.M.), per la realizzazione di questo terzo album The Mugshots chiamano a raccolta una significativa schiera di musicisti. Tra i numerosi contributi presenti, si apprezzano le incursioni del fletless dell'ex Counting Crows Matt Malley e del flauto di Martin Grice dei Delirium nella lisergica Grey Obsession, le evoluzioni canore di Steve Sylvester (Death SS) in Scream Again e quelle di Enrico Ruggeri in Sentymento. In tutto dodici tracce, di cui tre strumentali, composte in toto da Mickey E.Vil –estroso autore tra l'altro di apprezzati soundtracks di pellicole indipendenti canadesi- tra le quali vale la pena menzionare I Am an Eye (con Delirio alle tastiere) e la hard ballad Pain nella quale è presente un cameo del chitarrista Manuel Merigo dei metallici In.Si.Dia.

    “Something Weird” è un mugcaleidoscopio dai caotici colori rock che sorprende per ispirazione ed energia. Tastiere sugli scudi, riff potenti e ritmiche arrembanti caratterizzano un album che difficilmente consente distrazioni all'ascoltatore di turno. Un tourbillon emozionale di difficile catalogazione tanti appaiono i pertugi sonori aperti e chiusi nel suo istrionico svolgimento. Una prova divertente e convincente; decisamente qualcosa di stranamente interessante. Voto: 7/10

  • Billed as “Elitarian Undead Rock”, the Italian theatrical rock outfit known as The Mugshots have slowly been carving out a name for themselves in their native country. However, with their latest release, the mini album entitled Love, Lust and Revenge, it appears that they have their sights set on bigger things.

    Originally conceived in New York City back in 2001 by head mugger and lead vocalist Mickey E. Vil after listening to Alice Cooper’s 1983 DaDa album, E. Vil has spent the ensuing years perfecting the bands unique brand of horror influenced, shock rock. Picture the visual look of The Misfits, complete with skeletal patterned makeup, and throw in a hearty dose of Iggy Pop’s attitude, along with creepy synth washes and that will give you better of idea of what to expect from these sonic ghouls.

    In a fitting pairing, the band enlisted the help of the late Dick Wagner, whose vital contributions as a bandleader, writer and guitarist, played a pivotal role in propelling Cooper to superstardom as a solo artist in the mid 70’s. Clocking in at a shade under thirty minutes Love, Lust and Revenge takes a somewhat more subdued, almost subversive approach from the sound of their past efforts, however with Wagner’s guiding hand, this is a definitely a good thing as they have definitely expanded their sonic palate in the process.

    Opening track “Nothing At All” kicks off with some nice cascading piano notes, before gradually shifting gears and blossoming into a magnificent, full blown piece of dark, cinematic rock as E. Vil spins his remorseless tale of murder, overtop the lush background vocals and layered musical arrangement. This song perfectly lays the groundwork for the rest of the album and the next two tracks “Under My Skin” and “Curse The Moon” stylistically continue along the same path. The second track in particular is highlighted by some scorching lead guitar work courtesy of The Maestro himself. The mid tempo “Free (As I Am) changes things up a bit and is worth mentioning just for its gorgeous, melodic hooks and infectious chorus. I would definitely have to say that this is probably the strongest (and my personal favorite) track out of the six offered up here. What better way to tie up this mini masterpiece than with a closing tip of the hat to the original parties involved and the album that influenced it all. The band offers up their take on “Pass The Gun Around”, which was the final track on DaDa, and man do they turn out a stellar version that, dare I say almost comes close to topping the original.

    Sadly, there will be no further collaborations due to the tragic passing of Dick Wagner earlier this summer, however with Love, Lust and Revenge The Mugshots have definitely learned from and made the most of their experience working with Wagner. They’ve taken a significant step forward in all major areas and it will be interesting to hear where they take things from here.

  • (TRANSLATED FROM DUTCH)
     
    It was not such a bad idea for this Italian band to choose to have an English name to identify themselves. The sound looks back to that kind of prog influenced by pop and rock like the one played in the mid eighties by english bands like Twelfth Night and Cardiacs. 
     
    The songs are short and energetic, based much more on guitars and vocals rather than on keyboards, although an occasional Dracula-like organ plus som Mark Kelly keyboards add somm nice fresh accents. An association with the Italian school is hard to find (except for the Dracula-organ).
     
    This energy and those fresh things make sure that the band can hide the fact that there is too little composition for a whole album. The beginning is fine and the last tracks sound amazing but in between something lacks. A record with funny sides but it won't last. 
     
  • Gli italiani The Mugshots nascono ufficialmente nel 2001 dalla mente del cantante Mickey E.Vil. In tutto questo tempo non sono mancate diverse soddisfazioni non da poco, come il vanto di essere stati prodotti dal guru Dick Wagner (Alice Cooper, Lou Reed). “Something Weird”, il nuovo disco della formazione tricolore, porta avanti un hard rock tinto di venature dark, metal, punk, new wave ed amplificato da una fortissima componente teatrale. Una canzone come “The Circus” infatti richiama subito il seminale Alice Cooper, qui tributato con grande enfasi a cui si aggiunge un sound moderno con spruzzate di elettronica molto accattivanti. I synth dominano la successiva “Rain”, una bella commistione tra pop anni Ottanta e rock duro, molto godibile all’ascolto. Con “I Am an Eye” troviamo un po’ di Death SS, il sinistro organo si staglia poderoso sul brano, che colpisce per quel gusto progressive rock anni Settanta che qui viene reso più attuale grazie alla buona produzione di Freddy Delirio. Su questo disco appaiono un sacco di ospiti, famosi ed anche inusuali, ma questo calderone così variegato funziona molto bene nell’insieme:  da Tony Dolan (Venom Inc.) a Steve Sylvester, da Matt Malley a Enrico Ruggeri. “Sentymento”, che vede proprio la partecipazione di quest’ultimo, è un ottimo esempio di dark rock, “Scream Again” invece unisce metal a momenti più psichedelici, si tratta di uno dei pezzi più pesanti e classici dell’intero lavoro (grazie anche alla presenza di Freddy Delirio, Steve Sylvester e Ain Soph Aour dei Necromass). Oggi stupire, scioccare, lasciare a bocca aperta è davvero difficile perché si è visto e sentito di tutto e questo vale anche per la proposta dei The Mugshots che, per quanto pregna di enfasi e teatralità, non arriva a far ribollire il sangue nelle vene. Ciò non vuol dire che ci troviamo di fronte ad un lavoro privo di emozioni, anzi. La qualità, le idee, il gusto per i suoni, gli arrangiamenti, tutto è stato curato con grande dovizia ed il risultato si sente. “Something Weird” si conferma una proposta molto variegata ed interessante, per apprezzare al meglio i nuovi brani di The Mugshots non bisogna avere la mente chiusa: un ascolto aperto e senza paraocchi è ciò che serve per gustarsi appieno questa musica.
  • Dark rock is the description which can be found on their Facebook page. The says to be inspired by Alice Cooper, something that can partly be discovered, but my first impression was more in the direction of a sloppy, bad performed mix of Millencolin and HIM.

    These tunes contain both a punky unruliness and loads of theatrical exaggeration which can be experienced without the visual effect. Even though I'm a big fan of uncle Alice, the material of The Mugshots cannot be appreciated that much by me. The voice can be experienced as straight annoying (matter of taste of course), the keyboard sounds very cheap (on purpose probably), and the combination of these cheap eighties synthesiser tunes and garage punk guitars can cause a very strong feeling of disliking in my case.

    Take for example track six, starting with an even very acceptable gritty guitar, which flows over in a gothic like thing just before the line gets boring, but those added Jean Michel Jarre elements take care of a serious headache.

  • Il nuovo album dei The Mugshots è definito come “Elitarian Undead Rock”, e consiste fondamentalmente in quasi 49 minuti di una musica che definisco per sommi capi come un rock che sperimenta con sonorità a volte gotiche, a volte più creepy e più raramente ariose, che solo a tratti si affaccia al metal, e il tutto condito da una pletora di ospiti perlopiù illustri, che comprendono anche Steve Sylvester, Ain Soph Aour, Tony Dolan, Freddy Delirio, Mike Browning e perfino Enrico Ruggeri. Come si può legare questo genere musicale (gothic rock, chiamiamolo così per semplicità) con le capacità compositive dei The Mugshots e una tale pletora così variegata di guests? Se lo fai, o ci troviamo di fronte a qualcosa di rivoluzionario, oppure ci troviamo di fronte a qualcosa di over-produced e over-thought, dove qualcosa tra i contributi massivi dei guests o il songwriting sbilancia tutto e oscura l’altra componente. La risposta data da “Something Weird”, purtroppo, ci dice che tutto ciò non si può legare, o che se anche si può fare “Something Weird” non è un buon esempio di tutto ciò.
     
    La prima parte dell’album infatti (quella più scevra da guests) è quella che descrive di più le capacità proprie dei The Mugshots e che purtroppo mostra dei limiti: lo stupore iniziale di questo rock abbastanza creepy di “The circus” lascia ben presto spazio ad un ritornello incolore, riffs invero abbastanza anonimi e soprattutto ad una voce che cerca di essere grottesca ma che dopo un po’ risulta poco efficace, forse perché troppo impostata o dallo stile che non cambia granché. E se gli stessi problemi ce li abbiamo in “Rain”, è da qui in poi che escono fuori altri problemi: Punto primo: appena subentrano i guests, lo stile dei The Mugshots cambia e tutto suona molto più nello stile del guest che della band in sé. Ne siano un esempio le tastiere di Freddy Delirio, che nella quarta canzone fanno virare il brano su di una cosa tra Ghost e Death SS. Punto secondo: brani come la quinta canzone che suonano troppo diversi, scollati o messi al posto sbagliato dell’album. Punto terzo: troppe strumentali sinceramente inutili e che appesantiscono il lavoro, spesso neanche così speciali, come “Ophis”. E una volta preso atto di tutto questo, “Something Weird” si rivela per quello che è: un disco fatto da una band discreta, ma che suona appesantito da troppe strumentali e brani fuori contesto, e dove i guest finiscono per rendere poco comprensibile il valore proprio della band, i quali a volte sono francamente evitabili (Perché chiamare Tony Dolan per fargli fare fondamentalmente qualche spoken vocals su di un intermezzo?), o a volte semplicemente sovrastano la band, come Enrico Ruggeri che in “Sentymento” umilia letteralmente e surclassa Mickey Evil, finendo per farsi notare solo lui in una canzone che tra l’altro suona diversa dalle altre (troppo ariosa e distaccata da tutto il resto). Inutile la parte finale dell’album, costituita da una nona canzone che di nuovo, è avulsa da tutto il resto, da un intermezzo inutile e da una “Pain” anche bella e finalmente con una chitarra solista, ma che forse arriva tardi, quando a causa di così tante variazioni stilistiche un buon brano dei The Mugshots arriva quando l’attenzione è già scesa.
     
    In conclusione: “Something Weird” non è affatto weird secondo me: è il frutto di una band che avrebbe anche fatto un disco decente, ma che viene penalizzato da una tracklist un po’ discutibile, da una certa voglia di teatralità invero che suona un po’ cheesy e pretenziosa, e soprattutto la cui personalità viene deformata troppo da tanti contributi esterni che vanno in direzioni differenti, rendendo quasi impossibile capire dove finisca il guest e dove comincia lo sforzo proprio della band. “Something Weird” è la prova che tanti ottimi ingredienti non bastano a fare una ottima zuppa, e per questo io non ne sono rimasto impressionato.
  • La disperazione di vivere in un mondo musicale fatto di migliaia di band inutili affligge tanti ascoltatori e ancora di più gli addetti ai lavori. Album a centinaia tutti i mesi, tra i quali però diventa sempre più difficile muoversi e sempre più difficile cogliere il valore aggiunto di quel bene prezioso che è la personalità, unico vero elemento capace di fare la differenza nell’eterna diatriba tra innovazione e conservazione. Perché l’originalità a qualunque costo è noiosa almeno quanto la totale assenza di innovazione, se non c’è l’elemento della personalità unito a quello dell’ispirazione, a fare la differenza. E’ per questo che a volte arriva l’urlo del recensore di fronte all’ennesimo album uguale a se stesso, magari anche ottimamente confezionato, ma privo di una qualunque utilità. Un urlo che non sempre viene percepito come necessario anche dagli appassionati, ai quali tutto sommato un disco ben fatto interessa di più che uno che aggiunga una nuova pagina al libro della musica e non si limiti a sillabare continuamente quanto già scritto da altri. Eppure, un bisogno di spostarsi avanti esiste e se proprio non si riesce ad andare avanti, piuttosto che rimanere fermi, è quasi meglio tornare indietro in questa lettura. E’ per questo che, a volte, dischi che poi col tempo rivelano la propria debolezza, vengono sul momento premiati oltre le proprie intrinseche qualità, magari perché hanno effettivamente qualcosa da aggiungere o piuttosto perché pur riportando la lettura indietro di qualche pagina, aggiungono una interpretazione diversa a quanto già codificato in passato. Insomma, la chiave offerta dalla personalità, in musica, apre o aprirebbe davvero tante porte e renderebbe più interessante anche un qualcosa di già noto, se ben utilizzata.
    Ecco quindi come calare nel contesto di questo discorso la nuova uscita per The Mugshots, band italiana ormai da diverso tempo in pista e autrice del proprio quarto album, uscito a fine 2016 per la sempre attenta Black Widow Records. La band si è scavata una propria nicchia nel tempo riuscendo a legare il proprio nome a quello di una leggenda come Dick Wagner, attirando l’attenzione grazie ad una proposta piuttosto particolare e molto caratterizzata. Al centro di tutto, l’amore per tematiche horror e gotiche, gli anni settanta, i fumetti e un immaginario musicale che parte dal post punk/dark/new wave, fino all’hard rock, allo shock rock e all’art rock. In questo ampio spettro, nel quale il Rocky Horror Picture Show convive con Bela Lugosi e i Freaks di Tod Browning, Alice Cooper, gli Stranglers e i Tubes, e nel quale quindi l’immaginario gotico e grandguignolesco sposa un anticonformismo del tutto slegato dal contesto musicale attuale, la band trova una sua dimensione in continua evoluzione.
     
    Something Weird è un disco palesemente ambizioso: anzitutto, nell’ampio pastiche musicale messo in opera, che tocca contesti anche lontani tra loro, mantenendo sempre un approccio dark e grottesco, molto Creepy o Racconti dall’Oltretomba, se preferite. In secondo luogo, per il grande dispiego di collaborazioni, che vanno da Freddy Delirio e Steve Sylvester (Death SS), a Martin Grice, Mike Browning (Nocturnus), Tony Dolan (Venom Inc.), Manuel Merigo (In.Si.Dia), Ain Soph Aour (Necromass) e via discorrendo, senza dimenticare la preziosa partecipazione di Enrico Ruggeri. Infine, per il curatissimo packaging del disco, con la copertina opera del ben noto Enzo Rizzi, perfettamente calato nella realtà della band. Un grande dispiego di forze a cui fa da contraltare la musica della band, interamente composta dal band leader Mickey Evil. Attingendo a piene mani da questo vasto background e dotato di un tocco retrò sempre ben presente, l’album ben si presta ad essere apprezzato da una platea trasversale, ma corre il forte rischio di risultare fin troppo eterogeneo, offrendo una visione multisfaccettata, ma al contempo un po’ fuori fuoco. Al senso di disorientamento contribuisce l’interpretazione di Mickey Evil, il quale, forse alla ricerca di una propria cifra artistica, finisce per scegliere spesso un cantato caricaturale e grottesco, quasi da fumetto, ma con una evidente interpretazione maligna e perversa, come una sorte di folle clown che distorce la propria voce per impaurire i bambini, e che raramente riesce però a donare davvero qualcosa al brano, risultando spesso velleitaria e fine a se stessa. Come anche nell’uso continuo dei sintetizzatori, sembra che si sia voluto mettere fin troppo nella ricetta, senza per questo venire a capo con un piatto coerente e gustoso, quanto piuttosto con una gran quantità di sapori, magari anche buoni presi di per sé, ma non per questo soddisfacenti una volta messi insieme. 
    Quanto detto non vuol significare che Something Weird sia un brutto disco e certo non si potranno accusare i The Mugshots di difettare in creatività e voglia di stupire e coinvolgere l’ascoltatore. Il lavoro di stratificazione ricercato non va affatto a guastare l’approccio rock della band e anzi è evidente come il tentativo di incastrare le diverse sfumature riveli una cultura non solo musicale molto ampia e solida e una capacità di costruzione dei brani fervida di soluzioni e accostamenti felici negli intenti. Al tempo stesso, l’immaginario di riferimento è talmente noto e abusato che pur risultando simpatico e piacevole, difficilmente riesce davvero a stupire o a farsi apprezzare per l’originalità. Il circo maledetto che apre l’album dopo il breve intro è l’esempio forse più eclatante in tal senso e la sua promessa di morte e dannazione per il pubblico accorso risulta un poco stantia e di scarso effetto, pur nella sua convinta e riuscita trasposizione musicale. In particolare, sin dall’introduzione è il basso di Eye Van a scandire le danze, assieme ai sintetizzatori e in seguito alla chitarra elettrica, mentre in Circus l’influenza post punk è evidente ed Evil invita il pubblico a prendere posto con una melodia quasi cantilenata; è però solo nella seconda parte dopo il classico break con le risate psicotiche e la voce declamatoria del “direttore del circo”, che il brano prende davvero il via, con tutti gli elementi al loro posto, risultando nel complesso un buon avvio di album. Purtroppo molto più anonima la seguente Rain, anch’essa legata ad una forma riconducibile al post punk, ma tutto sommato innocua, pur non risultando sgradevole e con un Mickey Evil molto più interpretativo e coadiuvato dalla seconda voce di Francesca Scalari. Deciso cambio di passo con la seguente I Am an Eye, che distrattamente potrebbe anche passare per un brano dei Ghost, con l’organo a intessere il proprio marchio su un tipico giro doom tombale, con tanto di campana in sottofondo e una seconda parte più movimentata e rockeggiante. An Embalmer’s Lullaby Part Two prosegue la buona vena del disco, stavolta con un buon connubio delle varie componenti strumentali e i sintetizzatori che sottolineano e amplificano il mood della canzone, apportando anche una sezione di clavicembalo e archi a metà brano. Forse un po’ breve e non particolarmente significativa, ma comunque ben fatta. Peccato che la seguente Ophis si riveli uno strumentale, perché nel suo essere ben fatto e gradevole, lascia un po’ di amaro in bocca per quello che avrebbe potuto essere corredato da una parte cantata di spessore. I pezzi forti del disco arrivano però da ora in avanti, con Sentymento che ospita un bravo e perfettamente calato nel ruolo Enrico Ruggeri, che prende il proscenio con la sua voce baritonale ed immediatamente riconoscibile e la successiva Scream Again, all’apparenza una ballad inquietante e piena di ombre, nella quale Evil è accompagnato niente meno che da Steve Sylvester e Ain Soph Aour, entrambi capaci di evocare i propri spiriti in momenti diversi del brano, esaltandone la mutevolezza e le particolari atmosfere. Peccato che a questo punto la band piazzi un brano del tutto indecifrabile come Grey Obsession, che pur potendo vantare due ospiti illustri come Mike Browning e Martin Grice, si rivela come una specie di mantra di matrice orientaleggiante, sognante e fascinosa, ma assolutamente avulsa dal contesto del disco. La successiva Dusk Patrol è un brano breve e quasi strumentale, di effetto e atmosfera, nella quale Tony Dolan gioca il ruolo di voce recitante, con una interpretazione che potrebbe ricordare persino Mike Patton. Molto più interessante la successiva Pain, brano struggente nel quale anche la chitarra riesce finalmente ad emergere in chiave solista e l’interpretazione di Mickey Evil, pur senza rinunciare alla caratteristica voce paperinesca, si rivela misurata e di buona efficacia. Chiude Ubique ed è nuovamente un brano strumentale, che scorre via piacevolmente, senza lasciare granché, a parte l’inquietante finale.
     
    Tornando al discorso iniziale, sarà difficile che Something Weird e i The Mugshots possano essere accusati di mancare di personalità e voglia di emergere. Un aspetto questo che andrebbe premiato, a maggior ragione in un contesto musicale odierno composto da band fotocopia e senz’anima, che sono proprio l’antitesi di quanto proposto dal gruppo italiano. Lo sforzo compositivo e di evocazione di un immaginario gotico e orrorifico classico, caro tanto al mondo del cinema quanto a quello dei fumetti, è un aspetto che non si può sottostimare. Al tempo stesso, è difficile arrivare in fondo all’album e ritenersi davvero soddisfatti da quanto ascoltato. Il continuo saliscendi qualitativo e l’eterogeneità della proposta, specialmente nella seconda parte, assieme ad alcune scelte stilistiche forse non pienamente convinte e convincenti, rende arduo un giudizio pienamente positivo. Un vero peccato, perché in tutti i brani il talento della band è davvero evidente e in alcuni di essi si raggiunge già adesso un livello anche buono e capace di aprire ampi spazi sul futuro. Probabilmente qualcosa nella proposta può e deve ancora essere limato, oppure, definitivamente liberato da qualsiasi tentativo di ridurlo ad una forma e ad una struttura limitanti, come quelle attuali. In buona sostanza, si rischia di essere troppo complessi senza riuscire a gestire questa complessità, ma al contempo troppo orecchiabili e ad ampio raggio di potenziale utenza, per raggiungere reali picchi di innovazione artistica. Alla band non mancano davvero le capacità per un ulteriore salto e il raggiungimento di quella forma definita che farebbe davvero la differenza, andando finalmente a comporre il quadro tra personalità, ispirazione e qualità di scrittura. 
  • In 2002 The Mugshots were established in New York City, but surprisingly they are based in Italy. A mugshot is a slang term for a police photograph or a portrait taken after a person is arrested. The nicknames of the current band members are Mickey Evil (vocals, keyboards), Erik Stayn (keyboards), Eye-Van (bass), Macfly (guitar) and Gyorg II (drums). Special guest on lead guitar and additional piano is the legendary master of rock Dick Wagner who worked with Alice Cooper , Lou Reed, Kiss, Aerosmith and Peter Gabriel. In recent years the band recorded two full-fledged albums, namely House Of The Weirdos and Weird Theatre and two EPs called Doctor Is Out and In Disguise. The latter was distributed by an independent Italian label and got some enthusiastic reviews around the globe. 

    The EP Love, Lust And Revenge contains five songs all lasting over five minutes. The opening track Nothing At All has a fine piano and drum intro and great singing by Mickey Evil. The influence of Dick Wagner can already be noticed since this piece sounds like a radio-friendly Alice Cooper song. Listen to the two well-played guitar solos in the mid-section and at the end of the song. Next is the ballad Under My Skin which contains enough musical and lyrical variations to keep me focussed. Curse The Moon has the same intro as the Alice Cooper hit Hello Hooray!; the guitar licks of Dick Wagner are present all the time. Free As I Am is more a rock song with a happy feel; this could have been another song from the master of horror rock! The final song Pass The Gun Around is another great track with melodic guitar sounds and witty lyrics about gunslingers and drinking too much vodka. A nice guitar solo by MacFly ends this EP. 

     
    For me The Mugshots were a big surprise. They know how to write attractive, classical rock songs with fine melodies and intelligent lyrics.
     
     
  • Non sono una band come le altre i Mugshots. Attivo da oltre dieci anni, il five-piece bresciano raggiunge con questo EP un piccolo ma importante traguardo, rappresentato dalla collaborazione con Dick Wagner, già chitarrista di Alice Cooper e Lou Reed. E "Love, Lust And Revenge" è fortemente influenzato da questo incontro, tanto che ben due brani su cinque portano la firma di Wagner - "Under My Skin" scritta originariamente per Alice Cooper e "Pass The Gun Around", pubblicata dallo stesso Cooper nel 1983.

    Il suono della band è teso e decisamente borderline rispetto a quanto passa solitamente su queste pagine: i richiami agli anni Sessanta e Settanta sono evidenti, dai citati Alice Cooper e Lou Reed fino alle cose più cupe di David Bowie.

    Piace la sensazione di inquietudine latente che i ragazzi sanno trasmettere con poche pennellate sonore e piace la capacità di essere incisivi - la sostanza che regna sulla forma. Interessanti...

     

     

  • La band italiana, sebbene formatasi a New York, scrittura il braccio destro dei disci più fortunati di Alice Cooper degli anni '70, Dick Wagner, come produttore (e chitarrista) per questo nuovo EP di classico rock e l'alchimia funziona alla grande.

    Suoni curati e in stile con il genere, composizioni che sembrano uscire da quegli anni e la produzione ricorda addirittura il tocco di Kim Fowley. Crime stories, noire puro nella migliore tradizione della band che già nei precedenti lavori aveva mostrato inclinazioni per il genere nei testi.

    L'iniziale "Nothing At All" e "Curse The Moon" tra i brani più riusciti, dall'energia irrefrenabile, perizia musicale e produzione superprofessionale e di gusto. Rock adrenalinico allo stato puro.

  • Per capire "Love, Lust and Revenge" dei The Mugshots bisogna ricostruirne luoghi e storie... dal nome stesso della band ("Mug Shots" sono le foto segnaletiche degli arrestati), ai testi che narrano vicende ed amori al confine dell'oscurità dell'animo umano, alle collaborazioni musicali ed alla produzione.
     
    Prodotto da Dick Wagner (storico chitarrista di Lou Reed ed Alice Cooper, collaboratore di grandi e grandissimi nomi della scena rock internazionale) e mixato ai Chaton Studios di Phoenix, questo EP della band bresciana è un disco di rock melodico a tinte fosche, con momenti di psichedelia ed ammantato di teatralità.
     
    Il sound è coinvolgente e di buona personalità, ricorda alcuni dei momenti più cupi della produzione di Reed, di Patti Smith, ma anche in parte quello delle classiche rock ballad americane (di derivazione Lynyrd Skynyrd) e, vocalità a parte, certe atmosfere dei brani d'impronta rock di Tom Waits.
     
    Il risultato è un EP che scorre via veloce, regalando suggestioni di un universo urbano notturno e pericoloso, malinconico ed a volte struggente, evocato da suoni, armonie, arrangiamenti e melodie sempre estremamente curati; la band suona molto bene, con un approccio musicale convincentemente "U.S.A. - style", e gli interventi chitarristici di Wagner impreziosiscono ulteriormente il lavoro.
     
    Edito da Alka Record Label/Black Widow Records/ Desert Dream Productions (USA) ed in vendita anche in tutti i principali stores digitali, "Love, Lust and Revenge" è un prodotto godibile, originale, senz'altro molto diverso dalla maggior parte delle proposte rock italiane. Un disco suggestivo da non farsi sfuggire.
     
     
  • Sono una band atipica i Mugshots, formatisi a New York City ma alla fine d’adozione italiana, bresciana per la precisione,  tanto che la label che li pubblica è la nostrana Alka Records con distribuzione Black Widow. In realtà anche la musica che producono, bella per altro, è difficile da definire… Non è prog, non è hard, non è psichedelica ma racchiude, comunque, ingredienti pescati qui e li. Il monicker, che in inglese sta per “foto segnaletiche”, ben si adatta ad un gruppo che ama raccontare storie a tinte noir, caratterizzate dalle atmosfere notturne della matrice dark del gruppo, questa volta arricchite dagli ingredienti mutuati dalle correnti sopracitate. Nothing At All è caratterizzata da tastiere in bilico tra prog seventies ed il new prog tipico dei Marillion più tradizionali. Il piano pieno di malinconia caratterizza Curse The Moon, Free (As I Am) è di derivazione bowiana e comunque lungo tutta la durata del disco si sente forte l’impronta del produttore, il chitarrista storico di Alice Cooper e Lou Reed Dick Wagner, che tra l’altro interviene nel lavoro anche con la sua sei corde. Certo è solo un ep, dura circa trenta minuti, ma è davvero ben curato, oltre che nella produzione,  nei suoni e nel missaggio (a cura di Otto D’Agnolo che ha già lavorato con Red Hot Chili Peppers e Soulfly tra gli altri….) ed è confezionato in un bel digipack. Sicuramente pone le basi per un futuro interessante, vista l’originalità della proposta.
     
     
  • LOVE, LUST AND REVENGE è il nuovo lavoro dei  Mugshots, band bresciana che presenta un prestigioso Mini Album di stampo rock.
    L’aggettivo “prestigioso” è legato, come si evince dalle note a seguire, alla presenza di un “grande” come Dick Wagner, ma è questo il caso in cui l’ospitata non è funzionale alla pubblicizzazione dell’album - l’obiettivo mi pare un altro - ma serve a fornire un taglio professionale che è quello che contraddistingue le produzioni d’oltreoceano: ne meglio ne peggio, ma…  disco americano.
    Amore, lussuria e vendetta sono temi cari a molti, anche se spesso ufficialmente si tende a prenderne una certa distanza, e il racconto del quotidiano attraverso il rock metallico, paradossalmente addolcisce i termini.
    Credo che parlare della musica dei Mugshots senza averli mai visti all’opera - ed è il mio caso - sia limitante, perché l’aspetto visual, quell’abbinamento rock-teatro-immagini dissacranti che abbiamo imparato a conoscere molti anni fa con Alice Cooper, viene riproposto con pennellate di originalità musicale - e ciò si può desumere dall’ascolto - ma necessita di un palco per il totale godimento e comprensione.
    Cinque i brani proposti, per poco meno di mezz’ora di musica, coinvolgente e ad alto tasso energetico: non è un caso che i pezzi facciano parte della colonna sonora di un triller, come emerge dallo scambio di battute successive.
    Ho chiesto alla band di autodefinire il genere proposto, e la sintesi che emerge è una sorta di Dark Rock, genere musicale in cui faccio fatica a inserire i brani di LOVE, LUST AND REVENGE, che sento molto più vicini, affini, ad un’epoca ancora legata alla musica progressiva, dove l’ariosità delle armonie,  il controllo del ritmo - seppure all’interno di tempi complicati - la ricerca del dettaglio effettistico, la fanno da padrone. E poi la timbrica vocale - ma questa è dotazione naturale - che riporta a modelli risplendenti negli anni ’70, che ancora oggi lasciano un segno profondo. Su questa base “vintage”, che si espande nei corpi e nelle menti di tutti quelli - anche molto giovani - che hanno avuto la possibilità di bere alla sorgente della musica di qualità, i Mugshots inseriscono il know how personale, le idee originali e … tanto rock, miscela nata con la supervisione di chi ha le carte in regola per inserire nella posizione corretta tutte le tessere del mosaico.
    E’ un album che va riascoltato alcune volte prima dell’assimilazione, e in questo senso la “nobiltà” di base a cui accennavo inizialmente può aiutare, può spingere ad osare, nel caso non si rimanesse colpiti al primo shot.
     
     
  • Che cos'è questo album? Un tuffo nel passato. Una vecchia novità. Probabilmente uno degli album più intensi in circolazione recentemente usciti.
     
    Seppur (ingiustamente) poco conosciuti, i "The Mugshots" vantano una grande esperienza e qualità musicale. Nel loro ultimo album, "LOVE, LUST AND REVENGE" troviamo 5 tracce rilasciate nel Marzo di quest'anno. Dando un'occhiata su internet, ho notato come questa band cerchi di attirare la curiosità del pubblico sui loro pezzi tramite persone famose a livello internazionale, sottolineando che queste collaborazioni hanno aiutato la band ad uno sviluppo reale della loro musica; un'ottima tecnica per attirare nuovi e curiosi fan. Devo inoltre riconoscere alla band la bellezza della copertina di questo EP; mi ha colpito molto, sia a prima vista che analizzando poi quello che effettivamente vi è scritto: l'idea di presentare il nome del gruppo, dell'album, la data di uscita, un estratto del testo di una traccia, il tutto impaginato a giornale, è davvero geniale.
     
    I Mugshots si definiscono dark-rock, anche se ascoltando queste loro 5 tracce mi sono trovato davanti ad un genere leggermente diverso da quello che mi aspettavo; sembrano infatti il risultato di una sperimentazione andata a buon fine, nella quale l'influenza di celeberrimi nomi come Alice Cooper, i Joy Division o i The Misfits hanno giocato un ruolo fondamentale. Hanno anche scritto, nella descrizione del gruppo sulla loro pagina ufficiale di Facebook, che sono influenzati dal Progressive Rock,  genere in cui li avrei inizialmente situati.
     
    Non volendo fare paragoni troppo azzardati, direi che i Mugshots mi ricordano moltissimo gli svedesi Karmakanic. Entrambi progressive rock, i due gruppi si assomigliano per l'utilizzo delle tastiere e dei bassi, fondamentali nelle canzoni che ho sentito. Inoltre, quando all'inizio ho definito l'album "un tuffo nel passato", intendevo dire che le sonorità delle loro canzoni ricorda molto i cosiddetti grandi classici della musica anni '80, le colonne portanti del rock di quegli anni. Il richiamo è molto forte, se mi avessero detto chele canzoni erano state suonate in quegli anni ci avrei creduto immediatamente.
     
    Sono felice di aver scoperto questo gruppo: apprezzo molto ogni loro canzone. Se c'è un limite tra la copia e l'ispirazione, i Mugshots l'hanno indubbiamente identificato e sono riusciti in modo magistrale a rimanere nella parte dell'ispirazione, creando una musica tutta loro ed in cui si trovano a proprio agio. Le sonorità non sono mai banali e gli accordi sempre ben calibrati, facendo emergere una qualità musicale non indifferente.
     
    Il giudizio è molto positivo, meritano senz'altro molti ascolti, almeno molti di più di quelli che tutt'ora ottengono; positivo è anche il giudizio sul lato puramente visivo: ottimo il sito internet, ottimo il contatto con i fan nella pagina facebook, ottima la scelta della copertina del cd. Spero continuino così questi ragazzi.
     
  • The Mugshots are a band who don’t sound like your typical horror-themed band. I guess, technically, they’re not. They’re more a band who play rock and roll with a dark twist. The classic rock influence is so heavy on this album, I have no doubt you could convince any number of people that this is a remastered reissue of a “forgotten” album.
     
    The Mugshots did something with this EP that so many other bands today don’t do. They put the time and effort (and, likely, money) into hooking up with a producer who knows what he’s doing and recorded at a real studio. Most bands figure, “hey, I’ve got some recording gear. Let’s just do this ourselves.” A big percentage of these bands don’t know the first thing about how to make it not sound like a crappy, local band’s recording.
     
    The band enlisted Dick Wagner as producer. Wagner has contributed to songs with the likes of Kiss, Hall and Oates, Peter Gabriel and more. He’s most known for playing guitar with Lou Reed and Alice Cooper in the 70′s. This partnership is fitting because The Mugshots actually sound heavily influenced by 70′s Alice Cooper.
     
    When most people think of classic rock, they’re not thinking dark and brooding. These guys could easily fit in on a soundtrack to a horror movie, though. The subject matter is dark and extremely reminiscent of those end credits pieces or the song someone’s listening to on the radio that actually has a theme that fits with the movie.
     
    “Curse the Moon” is the first song on the EP. It has a nice piano intro. This is followed by a cool classic rock guitar solo over the top. The whole feel is very Alice Cooper. When the chorus comes in, it has a very Queen-like chord progression. Everything comes together and blends very well on this song. This is easily my favorite song on the album, as I could probably listen to it over and over.
     
    “Nothing at All” is almost a Jethro Tull-meets-Meatloaf type composition with the guys from Queen helping out with the chorus’ back-up vocals. The production is great and the song feels like it could have been a huge hit in the 70′s. This could give anything Tull or Meatloaf did in the era a run for their money. It doesn’t catch my ear, personally, but it’s a well put together song.
     
    “Under My Skin” immediately feels like more Alice Cooper tribute material. It’s got a dark progression and a steady, pounding bassline. Lyrically, it seems like something Cooper would have written, as well. The turnaround in the guitar riff has a cool doomy-feel that hooks you. The only problem with this song is that it never really takes off. It feels as if it builds and builds, getting ready to explode into huge finale. However, it never hits that climax, therefore, leaving it a little flat. But don’t get me wrong, it’s not bad, it’s definitely one of the better songs on the EP and keeps you waiting to hear what’s next.
     
    “Free (As I Am)” is, lyrically, dark and brooding. It feels very stalker-esque. The music, again, brings a heavy 70′s Alice Cooper vibe. It just happens to be one of those more forgettable, deep tracks in a Cooper album that it reminds me of. The song never really catches me. The bridge section is reminiscent of the “No More Mister Nice Guy” bridge where he’s talking about a dog biting him on a leg today. The “free as I am” repeated section feels very much like a war protest song and sort of keeps the song from feeling like part of the rest of the album.
     
    “Pass the Gun Around” immediately reminds me of David Bowie’s “Space Oddity”. I can almost hear the phrase “Ground Control to Major Tom” in the opening. It’s got a desolate, lost in space feel. I hear a ton of Queen influence, again, with the backup vocals. The super digital delayed guitar solo is a nice touch. It’s really helps bring the song together.
     
    Overall, this is a good, well-rounded album. It’s not something the typical,”horror music” fan might appreciate. However, fans of that early Alice Cooper-era stuff… the deep cuts, they should definitely give The Mugshots a chance. It’s most-likely right up their alley.
     
     

Pagine