Album Reviews

  • Pur avendo aperto per gruppi come Stranglers, Damned e UK Subs, i bresciani The Mugshots c'entrano ben poco con punk, horror music e dark rock. Tuttavia, nella rete, completamente fuori luogo, abbondano con insistenza inadeguati accostamenti tra loro e i succitati generi. La circostanza, purtroppo, rischia di generare aspettative che, all'ascolto, verrebbero puntualmente tradite. Un vero peccato, posto che il prodotto discografico si palesa in termini di valida attendibilità. Più correttamente, nella musica dei The Mugshots si rinvengono tracce di certa tersa e lineare post-wave, esaltata da una sana e genuina attitudine alla teatralità estetica. A livello sonoro, I Mugshots si muovono permeati da uno spirito di prudenza sonora, attingendo un po' dagli Stranglers, dei quali evocano certa psichedelia confortante, nonché dagli Adverts, di cui propongono una interessante versione di "I Surrender". Tracce di Alice Copper e dei Misfits, invece, sono rinvenibili esclusivamente sul piano estetico e non, come erroneamente indicato nel web, anche dal punto di vista musicale. Il loro make-up ricorda le inquietanti attitudini gotiche tipiche di certi compagini post punk, condite da una certa dose di irriverenza estetica. Musica rassicurante, ben suonata sebbene non terminale, sublimata da contestualizzazioni visuali che appaiono oltremodo contenute nel disco, ma arrivano ad essere dissacratorie e spettacolarizzate nel sito ufficiale.
    A livello grafico, c'è da leccarsi le dita: il 10 pollici è in vinile rosso, limitato a 250 copie, corredato di booklet interno, a colori, contenente un fumetto raffigurante la trama del brano che dà il titolo all'opera discografica.
    Già ambito dai collezionisti.
     
     
  • Attiva da parecchi anni, dopo due album pubblicati ("House of the Weirdos" e "Weird Theatre", riuniti anche in un unico CD nel 2009) e dopo aver fatto da spalla a gente del calibro di Damned, Stranglers e U.K. Subs, questa simpatica horror-punk-wave band italiana sforna ora un bell'EP in formato 10" su vinile rosso, accompagnato da una grafica fumettistica ben in linea con la musica. Il lato A è quello migliore e più coinvolgente a mio avviso, grazie a due brani-killer come "In Disguise" e "Beauty In Her Heat", dove i Damned del periodo "Phantasmagoria" incontrano i Devo di "Q: Are We Not Men?". Molto più melodico e sdolcinato il lato B, che contiene la lenta e fin troppo zuccherosa "An Embalmer's Lullaby", più la buona cover di "I Surrender" degli Adverts, tratta da "Cast of Thousands", il secondo album dello storico gruppo inglese. Questa differenza fra le due facciate mostra comunque il camaleontismo dei Mugshots: se dal vivo devono essere imperdibili, anche questo vinile, limitato a 250 copie, è un feticcio irrinunciabile per gli amanti dei nomi sopracitati.
     
  • Nothing new comparised to what already written but you cannot say no to a new Italian release from The Mugshots. Of the four songs on this EP three are original and one is a cover. "I Surrender" was written by the cult British punks THE ADVERTS: in this version we have the theatrical way of singing typical of MEAT LOAF. Another song on the B-side, "An Embalmer's Lullaby", is also definitely oriented in the same direction. A-side contains "In Disguise" and "Beauty In Her Eyes", coming from The Misfits glam rock look. Although a little out-of-fashion today, it is obvious that Mickey Evil and his team love to play this today and, in any case, this is something worth to see and hear live. Cartoon cover and red 10''vinyl for the lucky ones who bought one of 250 printed copies of this EP containing an interesting comic: Mickey wrote the text and Enrico Zanoletti provided the drawings.
     
     
  • Captain Sensible (The Damned), Charlie Harper (UK Subs), Daniel Ray (producer of The Ramones and The Misfits), among the others, have praised them, and they are not wrong: The Mugshots is one of the coolest bands in today's European scene. After launching a full-length, more horror-punk influenced, the Italians bring us now with an 10" EP with four tracks, including their own version of "I Surrender" by The Adverts, this version approved by TV Smith himself. On vinyl - red, 180 grams, beautiful - the Mugshots appear darker than in the past, going over the side of goth punk horror, filling the music with keyboards and withthat kind of spirit similar to the Damned's "Machine Gun Etiquette" times. One of the best releases of 2010, a band that does very well what they wand and improves with each release. It is not exaggerated to say that they are Italy's coolest band nowadays.
     
     
  • Nuovo EP per la band bresciana alla prese con un rock lineare ma efficace, ispirato al post-punk ed alla wave ottantiane e supportato da tastiere barocche che donano ai brani respiro ed allo stesso modo gotica teatralità. Composizioni che se da un lato lasciano intravedere un'importante derivatività, dall'altro riescono a farsi apprezzare anche per la forte personalità. Quindi, diversi i nomi da elencare che hanno ispirato i The Mugshots - Misftits, Ramones, The Damned e diversi altri - ma non da meno risulta lunga la lista dei pregi di questo lavoro: intenso, coinvolgente, scostumato al punto giusto, progressivo in alcuni passaggi. E se considerato anche l'immaginario dentro cui si cala la band, posssiamo con azzardo etichettare "In Disguise" come una sorta di graphic...album. Questo perchè l'EP è un 45 giri in vinile rosso (edizione limitata a 250 copie) correlato da breve fumetto che tanto dona al mondo concettuale del quintetto. In pratica, musica ed immagini scorrono di pari passo creando l'episodio pilota di un'ipotetica serie sci-fi.
     
    L'appunto che mi sento di muovere, invece, è che i brani necessitano di maggior vigore, così come la voce di Mickey Evil forse un po' troppo monocorde. Ma l'insieme merita attenzione perchè i The Mugshots sanno come farsi valere anche dal vivo, sede in cui la loro proposta acquista la grinta che in studio in parte viene a mancare. Bella la cover di "I Surrender" degli Adverts. Irriverenza horror.
     
     
  • In the early years of 2000, Mickey Evil created this band wanting to deal with some obscure topics, horror, serial killers and all sorts of God-be-with us nonsense. Completing music with a visual and theatrical expression. Now, all that makeup has evolved in something ridiculous and I am talikng about the black metal corpse painting: when I see those bands I think it's hard to excuse them.The Mugshots are doing something similar but they have a point here, because it is a parody of such a story and everything seems kinda cute in the least because Mugshots do not want to look dangerous and pissed off at all costs. Anyway, taken together they have created something that sound like a horror punk rock, even quite listenable, memorable, smooth, catchy and melodic at one time. The band has gone through all sorts of hassle of frequent changes and other troubles that live most of the bands, but they still managed to leave behind two albums. The Mugshots are now at a crossroads and, as a consequence, they issued the "Collected Works" album. At a crossroads, but as for me are free to publish some more albums. I say this because I rarely get music that feels good at first listen.
     
     
  • The band started back in 2001 in Brescia as a trio, and now works as a quintet: Mickey Evil (vocals, keyboards), Henry Lee (guitar), ND (drums), Eric Stayn (keyboards) and G.Guero (bass). They released only two albums, featured on several compilations, and have earned special compliments from Captain Sensible, former bassist of English punk legends The Damned. The news that they are excellent live entertainers spread and they resemble the image of a punk parody inspired by Alice Cooper and Kiss with abundant make-up which is more like a horror version of the circus clown. 
     
    The Mugshots - House Of The Weirdos (2005, Lombroso Releases) 
     
    As incredible as it may sound, this debut album was initially released in only 200 pieces, although it presents very fine music, almost fitting for radiophonic mainstream. With simple punk / new-wave-like melodies and harmonies of the period 1977-1981, with a keyboard that is very reminiscent of The Stranglers, this very short album of only half an hour, filled with retro-gothic fun, makes me think it is really strange that did not experience a wider recognition, at least in Italy. Lyrics in English, Mickey Evil's vocals under the influence of abundant letargic Peter Murphy, songs largely inspired by entertaining horror stories of hell, death, film icons, the police, but also emotional ones with a dark, yet ironical side. Their stories, a little sick yet very cheerful, regularly turn into a spoof. On this side nothing serious, but the music is linked with the image, almost like a cabaret variety. In addition to the introductory "Pissed in Hell," which is a very short two-minute punk classic, the rest of the material are mostly standard songs very similar to a bunch of bands that have found their own niche due to a range of influences: from Joy Division and Killing Joke to The Sisters Of Mercy and 69 Eyes. There are a few really classic new-wave/gothic songs: particularly outstanding are the ballad "The Mirror", the punk-metallized "Dr.Bloodmoney" and the darker "La patetique", which features vocoder voice and certain progressive feels; the first part of the composition is in the mid-pace, the other half is very bright and optimistic: it is a fast instrumental song with the seductive guitar solos doubled by an identical synth melodic line, something very close to the former A Flock Of Seagulls. However, the most complex piece is the last one, "Deliria (blut möchten sie von dir)", with Sympho-rock psychedelic gothic vibes where the main role is the one of the lead synth. 
     
    While listening to the album you really get the impression that this is a British cult band that has many gothic faithful followers, but really it is not clear how this band could not find an adequate status in their own neighborhood. Perhaps Italians do not like their bands singing in English? Or they do not get the funky sense of their horror-comedy? Or, somehow the most relevant assumption, they don't like The Mugshots' glam-oriented image? 
     
    The Mugshots - Weird Theater (2006, Lombroso Releases) 
     
    Would be expected that the band's second album could achieve a certain shift in popularity, but not in this case. Think of the fact that these Italians have their second work printed in only 100 pieces. On the other hand they have considerably progressed in musical terms. Amazingly, 100 copies sold (or at least shared) to each performer who listens to the loudest labels...On this album they penetrated further more into a complex structure and tighter arrangments, but stylistically they remained committed to comedy-horror-gothic rock. In fact you get the same sound and color, with slightly more emphasis on keyboards while the skeletons of the composition took progressive steps interweaving the punk elements with metal and industrial music. Introductory "Children of the Night" (anticipated by the industrial-gothic synth intro "Prelude to a full moon rising") is somehow the follow-up of the classic punk/new-wave gothic debut, while already in the next song "The call" they engage in a symbolic progressive-gothic tune which carries a minimalist guitar barrage, a steady pace and background synth harmonies which evoke Killing Joke. Both songs follow the grumbling and horror inspired by the sounds of "kids night". Excellent form of drummer ND is shown in the brief "(One day) the dead will walk (the earth)" where, with ultra sift marching, The Mugshots intensively deal with the fusion of metal, hard rock, industrial and punk. "Morningside graveyard" has been enriched by subtle keyboard colors. In some compositions they touch the legacy of many artists in the field of rock, such as in "Silent oracle" where they are, consciously or not, influenced by the song "Eight Miles High" The Byrds with a hard, indie-rock and charged Killing Joke touch. "Frozen nuns (from outer space)" is another early punky piece a'la The Stranglers in the comic version, while the most complex "The Foul Stench of humans" shows a guitar with a barrage of cross-cutting power-metal and punk and a rhythm in a frenzied industrial-punk/metal way. Symphonic echoes with monolithic keyboards come fore in the dynamic "Last Words". Lyrics are completely stuck in the theatrics inspired by the vampire, Bela Lugosi, graves, resurrected corpses and similar horror iconography yet in a funny way like a pathetic comic films - Frankestainu and Adams Family. Their production is solid, densely packed into a compact unit with a number of background vocal gimmicks that contribute to the horror atmosphere and the entire album is carried by a film script with a prominent pomposity similar to black-metal. It is truly remarkable that this band did not achieve any greater reputation at least in the dark audience that in the last decade grew in the areas of gothic-metal, progressive and indie-rock.
     
  • I bresciani Mugshots mi costringono a scrivere con imbarazzo queste poche righe. Punk rock pomposo e dai toni cupi, non T.S.O.L. ma piuttosto Damned epoca tastieroni. Quattro canzoni sul 10”, coraggiose, anche quando si sbilanciano con soluzioni ruffiane e pseudo-prog. Quello che però non mi permette di apprezzare la loro proposta è la pessima pronuncia inglese ed il cantato forzatissimo, ostacolo per me insormontabile e sopportabile a fatica. Me ne dispiaccio, perché quantomeno si discostano dalle solite schifezze che ci vengono spedite, ma la cover di “I surrender”  degli Adverts è il colpo di grazia dopo il quale non posso far altro che consigliare di “rivoluzionare” l’aspetto vocale.
     
     
  • Dopo avere aperto un concerto dei Damned, Captain Sensible disse a questi ragazzi: “la vostra musica è troppo rumorosa… per favore, usate la chitarra acustica, ha ha!”. Italiani purosangue, i Mugshots affrontano il mondo dell’horror-punk in modo nuovo ed inedito e (cosa che nel filone fanno davvero in pochi) si concentrano più sulla musica che sul look. Ceroni pesanti, teschi e make-up da zombi per carità non mancano; ma per fortuna non rappresentano la cosa più importante della band. Ciò che rende più appetitosa questa nuova formula di musica horrorifica, è la maniera in cui il gruppo incorpora e usa le tastiere nel suo suono. Un ingrediente, quello delle tastiere, già abbastanza inusuale per un gruppo che affronta questo genere, me il modo in cui le adoperano stupisce davvero! In alcuni momenti sembra di riascoltare l’impeto punk-wave con cui le usavano i Devo, altre volte ricalcano l’esempio dei Damned, altre ancora assumono connotati cosmici, quasi anni settanta (senti “Deliria”).
     
    I Mugshots sono davvero bravi ad occultare il cadavere di quell’horror-punk privo di originalità che negli ultimi anni si è tramandato per mezzo di tanti gruppi cloni dei Misfits e riescono a portare una boccata d’aria fresca al genere. Intelligenza, freschezza e gusto si mischiano all’horror grazie a tutta una serie di soluzioni noir diverse per ogni canzone del CD (e stiamo parlando di 19 canzoni!!!). Il CD in oggetto è un assemblaggio di due album pubblicati dalla band nel 2005 (“House Of The Weirdos”) e nel 2007 (“Weird Theater”) e, come già detto, ogni episodio sonoro affrontato è qualcosa di completamente a sé stante. Si passa dalle staffilate punk di “Pissed In Hell” e “Morningside Graveyard” a piece di totale (oscura) atmosfera come “Deliria”, fino ad arrivare a rock-song potenti come “The Mirror” e canzoni dalla costruzione particolarmente multiforme. Più che un gruppo horror-punk, i Mugshots sembrano una band “horror-punk-rock-wave”: la migliore che oggi conosca.
     
    Nell’arco della (per ora) breve carriera, i Mugshots hanno già suonato al fianco di gruppi come The Stranglers, The Damned, UK Subs, Tre Allegri Ragazzi Morti, The Brian James Gang (l’ultima incarnazione di Brian James dopo Damned e Lords Of The New Church) e The Adverts… La ragione di questo interesse per i Mugshots la troverete su questo CD. Se amate il genere, finalmente avete l’occasione di provare qualcosa di nuovo: per favore, non cercate il disco su soulseek o emule… scrivete alla band e compratelo!
     
     
  • Dediti al culto dell'horror punk, non solo musicalmente ma anche nell'immaginario a cui si rifanno, i Mugshots hanno pensato di riunire in questo disco i loro precedenti lavori intitolati "House Of The Weirdos" e "Weird Theater". Come da loro scritto nel libretto stesso, l'intento della band era quello di rappresentare la prima fase creativa dei Mugshots prima di cimentarsi nel passo successivo.
    Già dall'incipit del primo disco si può immaginare cosa aspettarsi dall'intero ascolto atmosfere macabre e cupe all'insegna di oscurità, mostri, orrore e tutto ciò che può aiutare a far venire i brividi. I brani sono ben arrangiati, la voce è tenebrosa come si dovrebbe e l'ampio uso di tastiere è il tocco che conferisce alle sonorità una maggiore particolarità.
     
    Questi due dischi non sono male, riescono ad esprimere l'essenza della band e, una volta ascoltati, non resta altro da fare che aspettare cosa i Mugshots proporranno in futuro.
     
     
     
  • This is Coatl M. Evil´s band, a band that he started a few years after he´s release with Machine Coeli. This is an album that contains two of the band's previous album, "House Of The Weirdos" and "Weird Theater". So it is in a way a double album, which I have chosen to report under one and give them a common character! Here are the punk, new wave and rock - in other words, no film music further from Coatl M. Evil! 
    "House Of The Weirdos" is the first of the albums out on the album I think has a good tempo and song number 6, "The Mirror" is the song that falls in the best taste with me! I think this works pretty well, and Coatl M. Evil has taken a step in the right direction! So were we come to the second part of the album, "Weird Theater" - an album that continues in the same track and that is better than chopped the first part. I think that it almost becomes a little Misfits-like, so I think this fits a little to goth people! Song number 12, "The Call" is a really cool song and you would almost not believe that these are not more known around the world! 
     
  • Sicuramente il miglior disco dei Mugshots che ricordi di aver mai recensito (e li ho recensiti tutti!). Il progetto di Mickey Evil è assolutamente in evoluzione, sia musicalmente parlando che per quanto riguarda l'ordito melodico delle linee cantate, ormai veramente killer. I pezzi si incastrano nei lobi temporali con inquietante semplicità (provate “Children of the night”, tanto per fare un esempio), e tutto ciò senza che il loro genere di proposta abbia subito nel tempo la benché minima sterzata. Punk apocalittico, fortemente memore dei Misfits (quelli veri, non la cover band che gira adesso) e contaminatissimo di influenze new wave raffinate e gestite con pericolosa sapienza. 
     
    10 brandelli 10, con degli inusuali ma azzeccatissimi tappeti di tastiera. Bellissimi, in questo senso, gli arrangiamenti di “Last words”, il mio pezzo preferito. Veramente grandioso, sono addirittura sbalordito: in questa sola canzone coesistono influenze retrò anni '60, '70, '80 e '90. The Doors meet horror punk meet Faith No More? Qualcosa del genere, giuro. 
     
    Se fossi in voi mi procurerei immediatamente Weird theater , anche perché ha il pregio di essere un disco complesso ma magicamente fruibile anche per il popolaccio vile e boja. E ancora: non commettete l'errore di sottovalutare Mickey Evil; probabilmente è uno dei cinque o sei esponenti dell'attuale circuito punk italiano a trovarsi già avanti anni luce rispetto a quello che succede mediamente sui palchi e nelle sale di incisione della penisola. Oggi glielo riconosciamo in pochi, ma attenti, perché - come disse padre Cristoforo - verrà un giorno…
     
     
  • A quick blink to the website from the italian horror-rockers makes quite clear that the band is gifted with an exquisite musical taste. This is testified by the pictures taken together with Alice Cooper, JJ Burnel (The Stranglers), Jaz Coleman (Killing Joke), Brian James (The Damned/Lords Of The New Church) and other dark-rock pioneers. And the quintet sounds exactly like a mixture of the above mentioned bands: the band's sound is not necessarily original but at least it is an exceptional fact to play like this nowadays. Together with a rich production, song titles such as "Frozen Nuns From Outer Space" and a lovely done booklet are the bottom line of a record that shows to the horror music community that there can be different idols apart from Misfits.
     
     
  • Leggevo di recente in una rivista specializzata a proposito della diffusione dell'horror punk. Il giornalista sosteneva che tra queste band di mostriciattoli urbani nessuno ha il vero interesse di far paura, vogliono solo divertirsi evocando film d'annata di Lucio Fulci o schifezze della Troma e truccandosi come ad un festino in maschera per la notte del 31 ottobre. Non si può che essere d'accordo, la diffusione di queste band con testi legati a serial killer e riti blasfemi è di recente aumentata con notevole successo di band quali Horrors e Wednesday 13 . "Weird Theater" fa parte di questa categoria. Sebbene i Mugshots cerchino di seguire una strada diversa orientata più sul filone gotico, grazie al massiccio utilizzo di sintetizzatori e parti più rallentate, le sessioni fotografiche e gli atteggiamenti della band non lasciano dubbi: si vogliono solo divertire! Sarà proprio per questo che una band con simili sonorità è riuscita a entrare nelle radio americane con rotazione quotidiana. Concretamente parliamo di un punk notturno sorretto appunto dalle tastiere e dalle voci acide e malate che vogliono richiamare biechi reati e perversi rituali. Nonostante l'insistenza sui canoni del genere, il disco è avvincente e nei suoi episodi anche discretamente variegato, spostandosi in territori dal sapore metal (tipo i Death SS ), soprattutto per quel che riguarda la sezione ritmica, e mantenendo il clima punk con i suoni immediati ed essenziali delle chitarre. I sintetizzatori si impegnano in maniera massiccia per creare l'atmosfera giusta tra il pacchiano e l'ombroso: brani atmosferici arrangiati con furbizia, ammiccanti i cui migliori episodi sono forse "The Call" e "Morningside Graveyard", che ricordano molto band come Damned , ma soprattuto gli Screaming Dead dell'album "Death Rides Out" .
     
     
  • Horror punk dei più tremendi, scene fredde, ambienti desolati e spiriti maligni. The Mugshots con il loro disco 'Weird Theater'. Presenze malefiche accompagnate da ritmi forsennati, il serial killer come filosofia di vita. Un lavoro che non lascia spazio alla mediocrità, precisi ed incisivi quanto basta, un morso in pieno volto. Mi carico di astio e non mi stupisco nello scoprire che i The Mugshots hanno rastrellato consensi fuori dalla bella Italia, vedi quotidiani passaggi in radio americane. Gotici alla Damned con l'ironia avvelenata predicata da Alice Cooper, sintetizzatori dentro le ossa e doppio pedale a cannone. Avversi. Truccati e scenografici, attori di opere macabre. 
    Ho voglia di uccidere qualcuno, essere il protagonista con le mani insanguinate. 
    Una band che fa perdere la posizione all'ascoltatore, tra i migliori rappresentanti dell'horror punk wave italiano, cattivi. 'Weird Theater' è un lavoro che lascia cicatrici, profondi tagli infetti negli ascolti quotidiani. Sono diventato una loro vittima.
     

Pagine